Sei qui: HomeL'ambiente

LNL e l'ambiente

papI Laboratori di Legnaro da sempre mantengono un'attenzione assidua per i problemi ambientali; tutte le attività di ricerca sono svolte nel rispetto più rigoroso delle normative di tutela ambientale. Le principali azioni riguardano la prevenzione di ogni tipo di inquinamento, nonché un miglioramento costante delle perfomance in campo ambientale.

Al fine di soddisfare tali impegni, i LNL hanno implementato un sistema diISO 14001 COL traspITA gestione ambientale in conformità agli standard internazionali della norma UNI EN ISO 14001 (vedi più info qui). Nel 2004 i Laboratori Nazionali di Legnaro sono stati certificati secondo la norma UNI EN ISO 14001:2004 (ACCREDIA - certificato non CERT-1116-2004-AE-VEN-SINCERT) e da allora sono regolarmente soggetti a verifica da parte del sistema di gestione ambientale DNV Italia.

Il sistema di gestione ambientale viene applicato sia alle attività di ricerca che ad altri processi. Maggiori dettagli e linee guida sulla politica ambientale dei LNL sono consultabili qui. In particolare, gli obiettivi LNL per la tutela dell'ambiente riguardano un uso attento delle risorse naturali (specialmente l'acqua) l'adozione delle migliori tecniche disponibili in materia di protezione dei cittadini e dei lavoratori e la promozione della ricerca in materia di protezione dalle radiazioni ionizzanti. Il documento che descrive il sistema di gestione ambientale e riepiloga i principali dati su aspetti e prestazioni ambientali dei Laboratori Nazionali di Legnaro è consultabile qui.

La politica di protezione dalle radiazioni ionizzanti

Esistono molti tipi di radiazioni in cui spesso ci imbattiamo nella vita di tutti i giorni, il calore, la luce, le onde radio, le microonde e i raggi-X. Alcune di queste, principalmente, associate a processi nucleari e atomici, sono in grado di penetrare la materia provocando un processo chiamato ionizzazione. Comunemente note come "radiazioni ionizzanti" esse sono generalmente associate all'uso di generatori di radiazioni (macchine a raggi X, acceleratori, cavità superconduttive, klystron, ecc) e a sorgenti radioattive. Le più note sono i raggi X, gamma, beta, alfa e neutroni, ciascuno con diverse capacità di penetrazione nei materiali.

Come noto, la radiazione è principalmente un fenomeno naturale. Una misura della dose totale di radiazione ricevuta dai lavoratori (e / o dal pubblico generico) è espresso in unità di Sievert (Sv) o frazioni, secondo il sistema metrico decimale: un millisievert (mSv) è un millesimo di Sievert; un microsievert (Sv) è un milionesimo di un sievert. Il tasso di accumulazione è espresso come dose/percentuale o dose accumulata per unità di tempo, ad esempio in unità di microsievert all'ora (Sv / h). Una misura diretta di dosi di radiazioni in microsievert all'ora può essere eseguita per sorgenti esterne. La dose ricevuta da una persona è il dato di dose moltiplicata per il tempo di esposizione.

Durante l'attività sperimentale ai LNL vengono generati diversi tipi di radiazioni. L'uso di acceleratori di particelle (protoni e ioni pesanti) e sorgenti radioattive sono i principali strumenti utilizzati dai ricercatori ai LNL per svolgere le loro attività. Gli acceleratori in azione producono radiazioni penetranti come gamma e neutroni. L'uso di muri di cemento, pavimento e soffitto di spessori adeguati, un sistema di monitoraggio continuo all'interno delle sale sperimentali, nonché negli edifici circostanti, un solido programma di formazione in materia di radioprotezione garantiscono la sicurezza del personale professionalmente esposto e del pubblico presente ai LNL. I livelli di esposizione alle radiazioni che i lavoratori ricevono presso i LNL durante gli esperimenti in seguito all'utilizzo di sorgenti radioattive sono, in genere, molto simili al livello delle radiazioni di fondo. Per ulteriori informazioni si veda anche il sito web del Servizio di Radioprotezione dei LNL.

I Laboratori di Legnaro da sempre mantengono un’attenzione assidua per i problemi ambientali; tutte le attività di ricerca sono svolte nel rispetto piùrigoroso delle normative di tutela ambientale. Le principali azioni riguardano la prevenzione di ogni tipo di inquinamento, nonché un miglioramento costante delle perfomance in campo ambientale.

LNL Events


All events


40th European Cyclotron Progress Meeting
20-23 September 2017, INFN LNL


LNL Seminars


All seminars

Request form


Octupole deformation studied with symmetry conserving configuration mixing methods
by Dr. Tomás Rodríguez (Departamento de Física Teórica, Universidad Autónoma de Madrid)
Friday, 22 September 2017 from to , LAE meeting room


Results of an experimental Radiation Damage Study for SPES
by Dr. Matteo Ferrari (Department of Mechanical and Industrial Engineering University of Brescia)
Friday, 6 October 2017 from 11:30 to 12:30, Rostagni meeting room


Nuclear physics for the search of dark matter
by Prof. Javier Menendez (Tokyo University, Japan)
Thursday, 12 October 2017 from to ,
LAE meeting room


The Cryogenic Control System of the CERN Neutrino Platform Detectors, NP02 and NP04
by Dr. Marco Pezzetti (CERN)
Thursday, 9 November 2017 from to ,
Ceolin meeting room


Vai all'inizio della pagina